Alla Velocità della Vita - Capitolo 4: ESSERE UN BUON COMPAGNO DI SCENA

Clicca qui per la puntata precedente (3 - il mestiere dell'improvvisatore).

Nel 1989, David ha vinto un Chicago Theater Joseph Jefferson Award per il suo ruolo nella produzione “Gli Dei devono essere pigri” di Second City. Nel suo discorso di premiazione, ha detto: “Il nostro lavoro consiste nell'esaltare i nostri compagni. Ricevendo questo premio, suppongo di non aver fatto il mio lavoro. M'impegnerò di più la prossima volta”.

L'idea dietro un buon compagno di scena è di concentrarsi sull'altra persona – il beneficio ulteriore è che così facendo, ci si toglie l'onere di dosso. Non devi essere divertente. Non devi essere brillante. Devi solo essere d'aiuto. Una giusta dose di altruismo è un requisito assoluto per essere un buon Improvvisatore.

TROVARE COMPAGNI DIGNITOSI
A differenza della musica e della pittura, l'Improvvisazione non può essere fatta da soli. Il concetto della mentalità di gruppo – che il pensiero collettivo sia maggiore della somma dei singoli – è possibile solo se si lavora insieme.

Ci sono persone a cui non interessa il tipo di lavoro che interessa a te. Lasciale perdere. Non salire più sul palco con loro. Stanno sprecando il tuo tempo. Non penso che si possa trovare un buon compagno di scena per caso. Perciò gente, andate a trovare la vostra gente!

Sono certo che sappiate riconoscere la vostra gente: persone che sanno quando avete bisogno di una spalla su cui piangere o di una pacca sul sedere. Quando entri in un camerino e sorridi appena le vedi, hai trovato le tue persone. Ma soprattutto, se sai essere quella persona, poi gli altri vorranno giocare con te. Siate la gente con cui vi piacerebbe giocare, gente.

TJ E DAVID SULL'ESSERE BUONI COMPAGNI DI SCENA

Il modo più efficace di essere un buon compagno di scena è restando nel qui e ora e rispondendo onestamente al proprio partner in modo genuino. In termini pratici, significa letteralmente guardarli. Ci guardiamo a vicenda per sapere cosa fare. Ci comportiamo spontaneamente, così che il nostro compagno di scena sappia chi sia per noi. Ci rispondiamo onestamente. Parliamo col nostro partner come parleremmo a qualcuno che è esattamente lui. Ci sono una marea di modi per aiutare il nostro compagno di scena ad apparire ancora meglio di quanto già non sia, e non esiste modo che non richieda la nostra massima attenzione.

Persino quando non è in scena, un buon partner mantiene lo stesso grado di attenzione. David ricorda quando Del Close consigliava agli improvvisatori di sentirsi sempre parte della scena in corso, persino quando stavano sullo sfondo o dietro le quinte: “che si faccia parte della scenografia sul palco, un attaccapanni o qualsiasi cosa nella stanza – quello è il nostro stato mentale. Siamo in scena ma nessuno si accorge di noi, siamo presissimi ma non attiriamo l'attenzione. Inoltre, se giochiamo con questo livello di partecipazione mentale quando siamo sullo sfondo, avremo ancora maggiori possibilità di essere presenti per un taglio nel momento perfetto o per interpretare un personaggio che viene chiamato dalla scena (letteralmente o tra le righe). Non dobbiamo preoccuparci di come entreremo in quella scena, perché mentalmente ci siamo già dentro”.

Essere un buon Improvvisatore richiede fede e fiducia. Dobbiamo fidarci che siamo a posto già da soli: dobbiamo confidare nel fatto che come individui siamo ok, riconoscendo allo stesso tempo la nostra completa dipendenza dal nostro compagno di scena. Dobbiamo avere fede che se ci comportiamo in questo modo, diamo allo spettacolo la possibilità di essere fottutamente figo... e avere fiducia nell'Improvvisazione, che si prenderà cura di noi.

Commenti

Post popolari in questo blog

SMART IMPROV - English version

Dalla vostra inviata a Pandora | GIORNO #2

Sul palco con gli attributi ovvero improvvisare da donna

6 modi per essere la persona più fastidiosa nella tua classe di improv - Jimmy Carrane

5 errori da evitare all’inizio di una scena improvvisata - Jimmy Carrane