TELL, DON'T SHOW - "MICROSCOPERA"

E due. Secondo spettacolo del Teatro a Molla che vedo da quando ho scoperto il gotha dell'improvvisazione italiana. E stavolta ho due motivi: non sono mai stato a Bologna, e ho appena scoperto che Bologna ha ben 2 popcornerie.


Perciò dalla verde e gelida Brianza si organizzano le macchine, si trovano i compagni di viaggio pure a Milano, e si parte. Io al volante, il novizio al mio fianco, l'imbucata alle mie spalle e la sognante innamorata al suo fianco.

Col ricordo di Plagio ancora vivido, si va verso quello che durante i corsi viene sempre usato come l'ESEMPIO maiuscolo di spettacolo d'improvvisazione in Italia. Davvero. Se sul dizionario cerchi "aspettative alte per uno spettacolo", trovi questo.

Per non parlare dei popcorn.

…ed è subito amore.

TELL, DON'T SHOW - "MicroscOpera"

C: Antonio Contartese, Luca Gnerucci, Antonio Vulpio, Olli Rasini, Daniele Mazzacurati, Omar Galvan
RTeatro a Molla, Bologna
O: MicroscOpera
W: Teatro ALEMANNI, Via Mazzini, Bologna - 22 Gennaio 2016


Prima ancora che si arrivi in teatro, MAXIDRAMMA.

La sognante innamorata (innamorata di Vulpio), irrompe:

“Ma davvero Vulpio non c’è stasera?”

“COSA!? Perché insinui questo, donna?”

“L’ha scritto su Facebook…”

“Ok, ora leggi testualmente cos’ha scritto.”


E niente, ha effettivamente scritto che non ci sarebbe stato, ed è subito tragedia, sconforto, lacrime in macchina e in autostrada, il ponte di Calatrava sembra un quadro di Dalì. L’allarme-troll però è alto, perciò lo scetticismo è palpabile. Arrivati al teatro, la notizia si è propagata, e ci si rassegna all’assenza del Fox del nostro cuore. È all’estero. La bimba è stata male. Le cavallette. I marò. Crediamo a tutto.


TELL, DON'T SHOW - "MicroscOpera"

C: Antonio Contartese, Luca Gnerucci, Olli Rasini, Daniele Mazzacurati, Omar Galvan


Conversazione fuori dal teatro - anonimi brianzoli:

“Vabbè dai, c’è Galvan, e poi oh a me loro piacciono proprio tutti.”

“È come una che t’invita a casa a scopare e poi te la fa solo annusare.”

Scena.


Il mio pensiero, spiace dirlo, è tutto su Manuele-dio-del-popcorn, che è lì, all’ingresso, con tanto di moglie e sacchetto strabordante gustosi fiocchi di mais (lo so, sembra più GialloZafferano che una recensione, ma tanto MicroscOpera è indescrivibile). Ci fiondiamo ai nostri posti in seconda fila e iniziamo a sgranocchiare. Nel frattempo, gli attori in maglia a righe d’ordinanza si aggirano per il teatro e il foyer, chi spacciando buoni-sconto, chi buffet luculliani: che io a Gnerucci che ti offre le patatine non so resistere, nemmanco quando ho 5 sacchi di popcorn in mano.

Col magone nel cuore e i popcorn nello stomaco, inizia lo spettacolo. O meglio, l’anteprima. Non si capisce nulla ma le mie iridi sono già a forma di cuore, e Galvan dovrebbe farli lui gli Angelus la Domenica, quello sì che sarebbe uno spettacolo imperdibile. E poi in un delirio di presentazione all’improvviso si apre il sipario in fondo e SBEM! Antonio Vulpio is IN DA HOUSE, mothafuckers! L’atmosfera è quella di quando ti dicono che il Natale è annullato ma poi arriva la sera e con gli occhi ancora lucidi senti il cleng-cleng delle renne fuori dalla finestra. Mi giro, e la sognante innamorata non è mai stata tanto sognante e innamorata.


TELL, DON'T SHOW - "MicroscOpera"

C: Antonio Contartese, Luca Gnerucci, Antonio Vulpio, Olli Rasini, Daniele Mazzacurati, Omar Galvan


E basta, poi dopo 2 pagine di recensione c’è stato anche uno spettacolo. Il problema delle aspettative così fottutamente alte è che non verranno mai rispettate, e infatti così è. Lo spettacolo è diviso in due parti, e la prima, per quanto sia al di sopra della maggior parte degli spettacoli che abbia visto finora, non è perfetta. C’è della mini-ruggine in certi momenti, qualche insicurezza, anche se, parliamoci chiaro, avercele di insicurezze così. Il suggerimento iniziale è la Groenlandia, e il mondo nordico viene gradualmente dipinto in questa prima parte. Pennellate dolci, delicate. Scene-painting come se piovesse. Man mano, le scene prendono forma, impariamo a conoscere e ad amare i personaggi, e da lì è tutta discesa. La seconda parte SPACCA I CULI AI PASSERI.

Lo vedete quell'uomo sottosopra?
Lui è argentino ma è in Australia.
Lei è americana ma è in Groenlandia.

L’unico termine di paragone che avevo era “Plagio”, e lì per me c’era perfezione. Ma erano solo in 3, in 6 non può essere la stessa cosa. Eppure quando ha ingranato, il tempo si è allo stesso tempo fermato e velocizzato. Lo spettacolo ha smesso di essere improvvisazione teatrale e si è trasformato in TEATRO d’Improvvisazione. Un teatro in cui uno può permettersi, all’apice massimo di energia della serata, di fermare tutto e dire “Ehi ma perché stiamo facendo una lotta di wrestling?”, e tutti si fermano e si chiedono perché hanno cominciato a menare un orso e lanciarsi le sedie. Un teatro in cui quando si ride si ride con l’anima, non coi polmoni. Un teatro che è prima di tutto poesia, e poi intrattenimento. Ché è ovvio che si ride, perché la vita è così. Si ride. Ma quanti, quanti sono gli spettacoli in cui, se anche ridi, ridi e basta, e non piangi, non pensi, non ti si muove niente dentro lo stomaco. Qui le persone sono persone vere, anche se lottano con gli orsi o non fanno altro che bere acquavite, anche se parlano con le balene o volano sopra la Groenlandia. Io a queste persone ho voluto bene e le dimentico con nostalgia. Perché a un certo punto tutto finisce, come sempre accade in questo crudele mondo di mandala teatrali, come sempre accade in questo crudele mondo e basta.

Ma poi c'è il bis.

E scopro che il bis a Bologna è qualcosa di mai visto, di tanto semplice quanto epico, e hanno fatto la stessa cosa nell'anteprima ma è diverso, è tutto diverso. Qui è proprio l’Improvvisazione che si prende in giro, si sbeffeggia da sola, fa l'oca, ma intanto ti guarda fisso negli occhi e ti sussurra “Ti ho in pugno, ti posso far credere che sono scema e tutto, ma la vita è permeata di me e io sto sempre lì, mentre dormi, mentre sei sveglio, sempre in agguato, che tu lo voglia o no, ci sei dentro fino al collo, baby”.


E così… Niente, in 3-4 ore si torna a casa, con cuori e stomaci pieni, la consapevolezza che il solo fatto di non poter mai arrivare a raggiungere tanta poesia e bellezza non significa che non si debba tendervi comunque, e un cimelio da incorniciare e appendere in salotto. Oltre a quasi un chilo di popcorn, nuove personali madeleines bolognesi.

Commenti

Post popolari in questo blog

10 consigli del Maestro Keith Johnstone

Sul palco con gli attributi ovvero improvvisare da donna

Il Paradosso della Paura - Todd Erler

12 Motivi per Fare un Corso di Improvvisazione

Alla Velocità della Vita - PREMESSA